la Repubblica, 2 dicembre 2008

ADRIANO SOFRI, Crocifisso. Quel simbolo religioso che spacca la politica.

[Nonostante tanti usi perversi, o fatui o distratti, è ancora capace di scandalo Lo scandalo della croce sta nel rovesciamento dall´ignominia alla nobiltà, alla regalità, al trionfo.]

[È polemica dopo la decisione di un tribunale spagnolo di rimuoverlo dalle scuole. In Italia la Chiesa ha denunciato l´oltraggio. Ecco la storia e il valore di un´immagine universale.]

Pochi giorni fa con tante persone diverse ho ricordato un amico caro che è morto prima del tempo. Il nostro amico abitava a Montalcino, a pochi chilometri dall´abbazia di Sant´Antimo. Non era credente, ma amava l´abbazia e i suoi canonici bianchi, e gli piaceva portare i suoi ospiti a visitarla. Molti di noi che lo salutavamo per l´ultima volta, eravamo stati guidati da lui in quel posto bellissimo. Dentro, fa un gran freddo, quando fa freddo, ma la luce lo compensa. Era un giorno di cielo azzurro e di nuvole candide, così il sole irrompeva e spariva dalle finestre sotto il soffitto della fiancata, e la bifora dell´abside inquadrava una corsa di nuvole. Al centro del gioco di luce, sospeso sopra l´altare è un grandioso crocifisso ligneo policromo del Duecento, le cui braccia si spalancano a occupare lo spazio spoglio. Il priore parlava con simpatia e rispetto del nostro amico, e spiegava che senza la fede nella resurrezione quel nostro trovarci là non avrebbe avuto senso. Io, e altri come me, non pensavamo così. Quel bel crocifisso, la cui positura mostra probabilmente l´intenzione di raffigurare già, oltre il tormento e l´agonia, un movimento verso l´alto – una resurrezione – a molti di noi sembrava abbracciare fraternamente la sofferenza attraverso cui era passato il nostro amico e il nostro lutto per lui. Anche senza la fede nella resurrezione, aveva senso stare lì e condividere un commiato con altre persone, con quell´immagine di rinnegato, venduto e suppliziato, e con la solennità del luogo.

Fuori dall´abbazia, di fronte alla facciata, si alza un colle sulla cui cima è stata piantata poco fa una croce alta 22 metri, dedicata al leggendario fondatore dell´abbazia, Carlo Magno. Quando mi aveva guidato fin là, il mio amico me l´aveva mostrata con una perplessità, come un impianto invadente ed estraneo al profilo del poggio e della valle, una specie di proclama proprietario. L´ho riguardata con la stessa sensazione, ora più netta, per il contrasto col crocifisso dell´altare. So che è una tradizione antica, quella di segnare le cime con la croce, e magari di adibirla a parafulmine. Tuttavia qui, con la croce incombente sopra l´antichità di pietre e di piante, ho avuto ancora una volta l´impressione dei tanti significati diversi che può prendere il crocifisso.

A ciascuno la sua croce. Si dice così, e vuol dire che è difficile a una vita umana sfuggire all´agguato della disgrazia. Prendiamola invece alla lettera, quell´espressione, come se volesse dire che la croce ha altrettanti significati quanti sono quelli che la portano. La croce tanto più brillante sulla scollatura tanto più generosa di una signora, per esempio: è difficile che rinvii a pensieri pii, e tantomeno allo “scandalo della croce”, quello che ha reso sublime uno strumento di ignominia. Piegata all´odio e alla ferocia razzista, la croce incendiata del Ku Klux Klan è il più osceno dei simboli. È ambigua e turbante la croce che si associa a un potere pubblico, fra la rivalsa della potenza e la reminiscenza di una iniqua condanna.

In un´aula di tribunale, né la legge, né il crocifisso riescono davvero a essere uguali per tutti. Si dice, lo disse anche una famosa sentenza del Consiglio di Stato, che, esposto fuori da un contesto religioso, nelle aule scolastiche per esempio, il crocifisso conservi «un valore altamente educativo» anche «a prescindere dalla religione professata». Che sia un simbolo “universale”. Può esserlo alla condizione elementare che l´universalità sia riconosciuta da tutti coloro cui si rivolge, e cessi di esser pretesa tale quando il riconoscimento manchi, e intervenga un´obiezione. Tolti i muri pubblici, resterà sempre uno spazio ampio abbastanza in quelli di culto, fra le pareti private e nei cuori delle persone.

Natalia Ginzburg scrisse un articolo memorabile per l´Unità, nel 1988. Si intitolò “Non togliete quel crocifisso: è il segno del dolore umano”. Chissà se lo riscriverebbe così. Oggi ci sono tanti nuovi cittadini che dal crocifisso appeso in un´aula di scuola possono sentirsi offesi o esclusi. È un povero modo di intendere la fede quello che la lega all´ostensione nei luoghi pubblici dello Stato, e nella rinuncia a quel compromesso col potere temporale vede, addirittura, l´avvento di una “Cristofobia”. Un passaggio dell´articolo diceva: «Non può essere obbligatorio appenderlo. Però secondo me non può nemmeno essere obbligatorio toglierlo». Rimuovere un simbolo non è la stessa cosa che insediarne uno nuovo. Vale per i muri, vale per il linguaggio quotidiano. Non si smetterà da un giorno all´altro di dire, come in certi nostri dialetti “nu cristiano”, e intendere un essere umano, o dire, in lingua, “un povero cristo”. E gli altri, i nuovi arrivati, cercheranno anche loro di andare oltre la lettera. Si tratterà di rispetto e buon senso.

Tuttavia, nonostante tanti usi perversi o fatui o distratti, il crocifisso è ancora capace di scandalo. Non parlo dello scandalo suscitato nei contemporanei di Gesù da un supplizio infamante, ed ereditato da chi, come Nietzsche, rimpiangeva gli dèi pagani spodestati da una religione malata e servile e spregiatrice della vita. Benché Gesù gli apparisse innocente dell´impostura della Chiesa, “l´unico cristiano”, e benché nei “biglietti della follia” si firmasse coi nomi di Dioniso e di Anticristo, ma anche di Crocifisso. Il suo Gesù è comunque il disarmato asceta della beatitudine, non il rivoluzionario delle Beatitudini. Lo scandalo inesausto della croce sta qui, nel rovesciamento senza precedenti e senza eguali di un simbolo di ignominia in uno di nobiltà e addirittura, per i credenti nella resurrezione, di regalità e di trionfo. Non era mai avvenuto né sarebbe avvenuto mai più, non a tal punto. (Ma che impressione devono aver fatto i superstiti dei campi di sterminio la prima volta che decisero di sfilare con le uniformi e la stella). Quella cristiana è una vera rivoluzione: la rivoluzione dell´ebreo Gesù, l´inveratore della profezia di Isaia. L´inversione che rende possibile – sia pure nell´arco di tre secoli – il passaggio dalla crocifissione come patibolo d´infamia al simbolo di gloria e di venerazione, è annunciata nel Vangelo del Discorso della montagna, e nella sua formidabile alternanza di beatitudini e minacce. Beati i poveri e guai a voi, i ricchi. Beati quelli che hanno fame, e guai a voi, che ora siete sazi. Beati quelli che ora piangono, e guai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete. Beati i perseguitati per la giustizia, perché di loro è il regno dei cieli. La rivoluzione, alla lettera: quello che sta sotto andrà sopra, quello che sta in alto precipiterà nel fondo. Molti degli ultimi saranno i primi.

Il rovesciamento impronta l´intera lezione. I ricchi e i poveri. I nemici da amare, da benedire quelli che maledicono. Sarà così che un condannato a morte, reietto, senza difesa, deriso e canzonato – lo incoroneranno di spine, giocheranno con lui allo schiaffo del soldato – giustiziato sulla croce con due delinquenti comuni, siederà alla destra del Padre e verrà a giudicare i vivi e i morti. Basterebbe recitarle oggi all´uscita di un supermercato, le inversioni delle beatitudini, per sentirne lo scandalo. Oggi, quando i ricchi sono più ricchi ancora, disgraziati. A maggior ragione lo scandalo della croce brucia ancora in ogni luogo conculcato della terra. Là il crocifisso non è un simbolo di rassegnazione e di negazione di sé, e tanto meno di potenza e di vanagloria, ma di resistenza e libertà e anelito di giustizia, spesso a costo del martirio.

François Xavier Nguyen Van Thuan è stato un principe della Chiesa, il primo cardinale vietnamita. È morto nel 2002 a Roma, dove viveva dal 1994, presidente del Pontificio Consiglio Iustitia et Pax. Prima era stato arcivescovo e prigioniero, nelle galere del Vietnam a noi così caro, del Vietnam “liberato”, per 13 anni, e tenuto per nove in isolamento. Nel “campo di rieducazione” di montagna di Vinh Quang si era intagliato una piccola croce di legno. In un’altra prigione era riuscito a procurarsi un po´ di filo elettrico, e ne aveva fatto una catenella per portare la croce al collo. Si capisce che quando, liberato e riparato a Roma, si vide offrire una croce d´oro, ringraziasse e si tenesse la sua.

Comments

  • Gabriele De Ritis

    Gabriele De Ritis

    _______________________________

    È o vorrebbe essere da un capo all’altro un piccolo tentativo di dissidenza dal gioco delle forze, «una professione di incredulità nell’onnipotenza del visibile» Cristina Campo
    _______________________________

    IL NOSTRO SENTIRE
    ___________________________

    Le emozioni hanno relazioni con l’apparato cognitivo perché si lasciano modificare dalla persuasione. - ARISTOTELE

    I sentimenti sono il fondamento della nostra mente. - ANTONIO DAMASIO

    L'essere oggetto d'amore è, per così dire, il luogo in cui solamente la persona esiste e può quindi anche venire alla luce. (Max Scheler, Essenza e forme della simpatia)
    _______________________________

    Accade qualcosa: «Non ho mai dubitato che ci dovesse essere qualcuno come Lei, ma ora Lei c'è realmente, e la mia gioia straordinaria per questo durerà sempre». - Lettera di Ingeborg Bachmann a Hannah Arendt - 16 agosto 1962

    «I camminatori veri sanno dove appoggiare i piedi e dove appoggiarsi con le mani. Come il lampadiere: colui che mette la luce in cima alla canna e mette la canna sulla spalla con la luce rivolta all’indietro, in modo che altri possano seguire tranquillamente il sentiero. Mi sono chiesto come possa il lampadiere vedere il sentiero. Mi piace pensare che ci sia un cammino già tracciato, un terreno sicuro dove appoggiare il piede solcato da migliaia di tracce che altri prima hanno lasciato. Così il cammino del lampadiere risulta sicuro. E’ forse questo lo stare dalla parte buona della vita?» - Don Antonio Mazzi

    _____________________________

    Sulla Scrittura
    _______________________

    La scrittura, come elemento dell'ascesi, ha una funzione etopoietica: essa è un operatore della trasformazione della verità in ethos.

    Il suo scopo non è comunicare né convincere nessuno, bensì superare il confine tra realtà e immaginario. - MICHEL FOUCAULT

    Nello scrittore il pensiero non guida il linguaggio dal di fuori [...]. Le mie parole sorprendono me stesso e mi consegnano al pensiero. - JACQUES DERRIDA

    Il linguaggio non è della lingua, ma del cuore. La lingua è solo lo strumento con il quale parliamo. Chi è muto è muto nel cuore, non già nella lingua... Quali le tue parole, tale il tuo cuore. - PARACELO (Citazione contenuta in James Hillman, L'anima del mondo e il pensiero del cuore, Adelphi 2005, pag.41).

    _______________________________ LE COSE NASCOSTE DALLA FONDAZIONE DEL MONDO ______________________________

    E’ quasi impossibile separare dal nostro spirito quello che non c’è. Che cosa dunque saremmo, senza l’aiuto di ciò che non esiste? Ben poca cosa, e i nostri spiriti disoccupati languirebbero, se le favole, i fraintendimenti, le astrazioni, le credenze e i mostri, le ipotesi e i sedicenti problemi della metafisica non popolassero di esseri e di immagini senza oggetti i nostri abissi e le nostre tenebre naturali. I miti sono le anime delle nostre azioni e dei nostri amori. Non possiamo agire che movendo verso un fantasma. Non possiamo amare che quello che creiamo. - PAUL VALÉRY, Cattivi pensieri

    L'oggetto specifico, unico e costante del pensiero è ciò che non esiste. Ciò che non è davanti a me; ciò che è stato; ciò che sarà; il possibile; l'impossibile. A volte questo pensiero tende a realizzare, a elevare al vero ciò che non esiste; e altre volte a rendere falso ciò che esiste. - PAUL VALÉRY, Cattivi pensieri

    La maggior parte ignora ciò che non ha nome; e la maggior parte crede all'esistenza di tutto ciò che ha un nome.
    Le cose più semplici e quelle più importanti non hanno tutte un nome. Quanto alle cose che non sono percepibili con i sensi, una dozzina di termini imprecisi, quali idea, pensiero, intelligenza, natura, memoria, caso..., ci servono come possono e generano o alimentano un'altra dozzina di problemi inesistenti. - PAUL VALÉRY, Cattivi pensieri

    ... l'anima, che per l'uomo comune è il vertice della spiritualità, per l'uomo spirituale è quasi carne. - MARINA CVETAEVA

    La verità è il tono di un incontro. - HUGO VON HOFMANNSTHAL

    58. Ciò che si può promettere. Si possono promettere azioni, ma non sentimenti, perché questi sono involontari. Chi promette a qualcuno di amarlo sempre o di odiarlo sempre o di essergli sempre fedele promette qualcosa che non è in suo potere; invece può ben promettere quelle azioni, che sono sì, di solito, effetto dell'amore, dell'odio e della fedeltà, ma che possono anche scaturire da altri motivi: giacché a un'azione conducono più vie e motivi. La promessa di amare sempre qualcuno significa cioè: finché ti amerò, compirò verso di te le azioni dell'amore; se non ti amerò più, continuerai a ricevere da me le stesse azioni, anche se per altri motivi, sicché nella testa del prossimo persiste l'illusione che l'amore sia immutato e sempre il medesimo. Si promette, dunque, di continuare nell'apparenza dell'amore quando, senza accecarsi da sé, si giura a qualcuno eterno amore. - FRIEDRICH NIETZSCHE, Umano, troppo umano

    Molto ha esperito l’uomo. / Molti celesti ha nominato / da quando siamo un colloquio / e possiamo ascoltarci l’un l’altro (Friedrich Hölderlin) -- Le riflessioni di Martin Heidegger su queste parole straziate ed alte del grande poeta tedesco consentono di indicare la radicale importanza del colloquio, come struttura dell’esistenza, e le conseguenze che ne scaturiscono, quando essa si lacera e si frantuma implacabilmente (ad esempio) in una tossicomania.
    Queste sono alcune delle cose che egli scrive: «Noi siamo un colloquio. L’essere dell’uomo si fonda nel linguaggio (Sprache); ma questo accade (geschieht) autenticamente solo nel colloquio (Gesprächt)»; e ancora: «Ma che cosa significa allora un ‘colloquio’? Evidentemente il parlare insieme di qualcosa. E’ in tal modo che il parlare rende possibile l’incontro. Ma Hölderlin dice: ‘da quando siamo un colloquio e possiamo ascoltarci l’un altro’. Il poter ascoltare non è una conseguenza che derivi dal parlare insieme, ma ne è, piuttosto, al contrario, il presupposto» (M.Heidegger, La poesia di Hölderlin, Adelphi 1988).
    L’inaudita rilessione heideggeriana così prosegue: «Ma Hölderlin non dice semplicemente: noi siamo un colloquio, bensì: ‘da quando noi siamo un colloquio…’. Là dove c’è ed è esercitata la facoltà del linguaggio propria dell’uomo, non vi è ancora senz’altro l’evento essenziale del linguaggio: il colloquio»; e infine: «Un colloquio, noi lo siamo dal tempo in cui ‘vi è il tempo’. E’ da quando il tempo è sorto e fissato che noi siamo storicamente. Entrambi - l’essere un colloquio e l’essere storicamente - hanno lo stesso tempo, si appartengono l’un l’altro e sono il medesimo». (da EUGENIO BORGNA, Noi siamo un colloquio, Feltrinelli 1999: Il vuoto esistenziale, pp.120-122)

    Un'altissima quantità di incontri umani viene distrutta da una scarsa tolleranza agli equivoci. - RENATA TURCO

    E’ Joan che parla:
    «Tutti dovrebbero poter tornare indietro con la memoria ed essere certi di aver avuto una mamma che amava tutto di loro, anche la pipì, anche la cacca. Chiunque dovrebbe poter essere sicuro che la mamma gli voleva bene giusto perché era lui, e non per per quello che avrebbe potuto fare. Altrimenti non ci si sente in diritto di esistere, si sente che non si sarebbe mai dovuti nascere. Non importa cosa succede poi a questa persona, non importa se soffre, può sempre guardare indietro e sentire che può essere amato. Può amare se stesso: non può più rompersi. Ma se non può tornare su queste cose, allora può rompersi. Ci si può rompere soltanto se si è già a pezzi. Finché il mio io bambino non è stato amato io ero a pezzi. Amandomi come si ama un bambino lei mi ha aggiustato».

    – RONALD LAING, L’io diviso. Studio di psichiatria esistenziale (1959)