*

Sabato, 12 marzo 2011

La vita delle nostre relazioni è fatta di abitudini consolidate, di caldi stereotipi, di confortevoli pregiudizi, dell’inveterata tendenza ad illudersi: tali sono i silenzi studiati, le mancate risposte, gli accordi con quelli che ci fa più comodo avere dalla nostra parte, il “fatto compiuto”, la verità usata come clava per anni. Più spesso interviene la nostra Ombra a decidere per noi: allora, è ostilità, sospetto, recriminazione, magari fatti passare come ‘perplessità’. Basta usare parole che attenuano e sfumano la realtà, per farla apparire meno cruda. In sostanza, non siamo disposti a comunicare veramente.

A sentire i vissuti dei ragazzi che cercano di uscire dalla tossicomania, sembra che anche loro finiscono per avvertire l’inconsistenza di relazioni in cui prevale il non detto delle emozioni, della sessualità, della droga intesa come alterazione degli stati di coscienza. Se escludiamo quest’ultimo aspetto della loro esperienza, quando si parla di gestione delle emozioni, cadono dalle nuvole: non sanno affrontare nessuna delle situazioni più comuni in cui si ritrovano a vivere. Avvertono oscuramente che bisogna agire diversamente, ma non sanno cos’altro si possa fare, al di là della negazione dei problemi o dell’affrontamento con ostinazione e astratta determinazione. Avanzano sicuri di sé, ma non sanno dire dove stiano andando e perché. Tutto orizzontale. Descrivono la realtà. Raramente mostrano di comprendere il punto di vista degli altri, di tutti gli altri.

Dell’altro che è in noi che ne sarà, se non impariamo a fare i conti con quelle parti di noi che se ne vanno per conto loro e che ci trascinano nei più pericolosi vicoli ciechi?

L’ingorgo sentimentale, l’accumulo dei problemi irrisolti richiedono strategie di igiene mentale vera e propria. Non c’è cosa della nostra vita che non sia pensata e catalogata dalla mente, se siamo almeno un po’ riflessivi. Se agiamo d’impulso, nondimeno scattano in noi quegli automatismi mentali che si basano sull’esperienza passata e che ci portano a dire che si fa così e così. Insomma, siamo responsabili delle nostre emozioni. Esse non sono disgiunte dai nostri pensieri. E’ importante sapere che se ci prendiamo cura di essi, riusciremo a fare qualcosa anche di esse, cioè a regolare la nostra vita sentimentale, senza procedere a casaccio, improvvisando sempre.

Se ci mettiamo a seguire con la coscienza i passi che compiamo giorno per giorno, finiamo per scoprire i trucchi a cui ricorre la ragione per giustificare ogni scelta avventata: basta assecondare tacitamente ogni inclinazione che conduca a qualche piacere o a confermare scelte ‘comode’, che ci aggradano di più, e il gioco è fatto. Sembra quasi che le cose abbiano agito per noi. E’ andata così! Come se noi fossimo assenti!

Se, invece, prendiamo a dialogare con noi stessi, a interrogarci di continuo su quello che stiamo per fare; se cerchiamo le vere ragioni che spingono gli altri ad agire in un certo modo, forse usciremo dalla vita irriflessa, spontanea, immediata, tutta schiacciata sul presente che costituisce una delle forme più sicure di vita inautentica.

E’ interessante fermarsi a riflettere sulle forme di esistenza mancata che contraddistinguono tratti della schizofrenia, secondo Binswanger. Egli definì la malattia una forma di fallimento, di mancata riuscita dell’esistenza. E rivelò come la sua scienza non fosse lontana dalla vita di tutti i giorni:

«L’antropoanalisi prende come punto di partenza il linguaggio comune e si lascia guidare da esso perché, come dice Goethe, il linguaggio comune ha già articolato, esplicitato, enunciato “dal paradiso terrestre fino ad oggi”, in “mille modi di linguaggio e di discorso” ciò che noi siamo e ciò in mezzo a cui viviamo, con tanta profondità che i suoi “progetti di mondo” costituiscono la nostra dimora spirituale, la nostra patria, la nostra “aria nativa”, senza di cui i nostri passi non poserebbero più su nessun terreno, il nostro respiro perderebbe il suo elemento vitale».

Anche per noi la follia d’amore, ad esempio, costituisce un rischio a portata di mano. Molti dei nostri ragazzi – i tossicomani – sono morti in seguito al fallimento delle loro esperienze amorose. Se ci mettessimo ad analizzare una per una tutte le modalità dell’esistenza, scopriremmo facilmente per ognuna il rischio imminente, la possibilità dell’errore ad ogni passo. Siamo liberi. Se la persona è ‘in equilibrio’.

Quello che ci si para davanti ad ogni piè sospinto è la possibilità del dialogo, con noi stessi e con gli altri. Tutto ciò che precede è solo un tentativo di descrivere il disordine e la confusione a cui ci votiamo per la nostra rinuncia al dialogo.

Innanzitutto, si richiede apertura. Ma questa parola non è proprio così chiara come sembrerebbe. Per me, si tratta di aprirsi a nuove evidenze, al nuovo che è rappresentato dall’insorgere in noi di un’emozione nuova, di un significato nuovo, in seguito al continuo rinnovarsi della nostra esperienza, cioè della vita dell’invisibile in noi. Lo stesso si dirà della realtà degli altri. Essi sono sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Anche quando si tratti di persone a noi note da sempre. Non sappiamo cosa ci diranno tra un po’. Se noi ci collochiamo nella giusta prospettiva, se mostriamo di essere disposti a dare credito alle loro parole, gli altri a loro volta si apriranno. Si rivolgeranno a noi con interesse e fiducia. Penseranno di noi che siamo interlocutori e non semplici destinatari o competitori e basta, non importa in quale campo dell’esperienza.

Bisogna essere disposti poi a essere messi in gioco quanto al modo in cui conduciamo la nostra vita presente e a quello in cui abbiamo condotto la nostra vita passata.

Bisogna essere disposti a concedere all’altro l’arma della confutazione delle nostre opinioni. E dobbiamo decidere che le nostre sono solo opinioni, anche sulle questioni che più ci stanno a cuore, perché sia possibile procedere assieme all’altro in una direzione che ci vedrà avanzare entrambi.

Bisogna essere disposti a ritrovarsi nel dubbio in cui ci metterà l’altro con le sue argomentazioni. Da lì, sicuramente si ripartirà insieme per procedere verso la verità.

Bisogna essere disposti a partorire insieme una verità che si accampi al di sopra dei casi particolari e delle esperienze personali, una verità che sia valida per tutti.

Il metodo e la meta di questo procedere non è l’esito di una lezione da cui apprendere qualche verità, ma il prendersi cura di sé, perché si crei anche al nostro interno la situazione dialogica. Dobbiamo, ad esempio, combattere con la nostra Ombra… C’è qualcun altro dentro di noi con cui quotidianamente dobbiamo fare i conti. Come tratteremo le nostre facoltà superiori anarchicamente protese a decidere per noi?

Sicuramente, c’è da confessare a se stessi di non possedere stabilmente alcuna verità.

Nel dialogo ci interroghiamo su qualcosa di rilevante per la nostra vita, scoprendo la nostra ignoranza e cercando con l’altro una percorso di crescita. Perché non potremmo fare tutto ciò da soli? Perché solo chi è capace di un autentico incontro con gli altri è poi capace di incontrare se stesso nella verità.

Il dialogo va condotto in uno spirito di persuasione, inducendo l’anima di chi sta di fronte a mutare il proprio atteggiamento di fronte al problema. Ciò che conta dunque nel dialogo non è solo la dottrina comunicata, bensì il metodo, la modalità peculiare di portare avanti un discorso, alla ricerca di un accordo razionale che sia la base di una profonda adesione dell’anima a quanto affermato nel dialogo stesso.

*

Pagina successiva →

  • Gabriele De Ritis

    Gabriele De Ritis

    _______________________________

    È o vorrebbe essere da un capo all’altro un piccolo tentativo di dissidenza dal gioco delle forze, «una professione di incredulità nell’onnipotenza del visibile» Cristina Campo
    _______________________________

    IL NOSTRO SENTIRE
    ___________________________

    Le emozioni hanno relazioni con l’apparato cognitivo perché si lasciano modificare dalla persuasione. - ARISTOTELE

    I sentimenti sono il fondamento della nostra mente. - ANTONIO DAMASIO

    L'essere oggetto d'amore è, per così dire, il luogo in cui solamente la persona esiste e può quindi anche venire alla luce. (Max Scheler, Essenza e forme della simpatia)
    _______________________________

    Accade qualcosa: «Non ho mai dubitato che ci dovesse essere qualcuno come Lei, ma ora Lei c'è realmente, e la mia gioia straordinaria per questo durerà sempre». - Lettera di Ingeborg Bachmann a Hannah Arendt - 16 agosto 1962

    «I camminatori veri sanno dove appoggiare i piedi e dove appoggiarsi con le mani. Come il lampadiere: colui che mette la luce in cima alla canna e mette la canna sulla spalla con la luce rivolta all’indietro, in modo che altri possano seguire tranquillamente il sentiero. Mi sono chiesto come possa il lampadiere vedere il sentiero. Mi piace pensare che ci sia un cammino già tracciato, un terreno sicuro dove appoggiare il piede solcato da migliaia di tracce che altri prima hanno lasciato. Così il cammino del lampadiere risulta sicuro. E’ forse questo lo stare dalla parte buona della vita?» - Don Antonio Mazzi

    _____________________________

    Sulla Scrittura
    _______________________

    La scrittura, come elemento dell'ascesi, ha una funzione etopoietica: essa è un operatore della trasformazione della verità in ethos.

    Il suo scopo non è comunicare né convincere nessuno, bensì superare il confine tra realtà e immaginario. - MICHEL FOUCAULT

    Nello scrittore il pensiero non guida il linguaggio dal di fuori [...]. Le mie parole sorprendono me stesso e mi consegnano al pensiero. - JACQUES DERRIDA

    Il linguaggio non è della lingua, ma del cuore. La lingua è solo lo strumento con il quale parliamo. Chi è muto è muto nel cuore, non già nella lingua... Quali le tue parole, tale il tuo cuore. - PARACELO (Citazione contenuta in James Hillman, L'anima del mondo e il pensiero del cuore, Adelphi 2005, pag.41).

    _______________________________ LE COSE NASCOSTE DALLA FONDAZIONE DEL MONDO ______________________________

    E’ quasi impossibile separare dal nostro spirito quello che non c’è. Che cosa dunque saremmo, senza l’aiuto di ciò che non esiste? Ben poca cosa, e i nostri spiriti disoccupati languirebbero, se le favole, i fraintendimenti, le astrazioni, le credenze e i mostri, le ipotesi e i sedicenti problemi della metafisica non popolassero di esseri e di immagini senza oggetti i nostri abissi e le nostre tenebre naturali. I miti sono le anime delle nostre azioni e dei nostri amori. Non possiamo agire che movendo verso un fantasma. Non possiamo amare che quello che creiamo. - PAUL VALÉRY, Cattivi pensieri

    L'oggetto specifico, unico e costante del pensiero è ciò che non esiste. Ciò che non è davanti a me; ciò che è stato; ciò che sarà; il possibile; l'impossibile. A volte questo pensiero tende a realizzare, a elevare al vero ciò che non esiste; e altre volte a rendere falso ciò che esiste. - PAUL VALÉRY, Cattivi pensieri

    La maggior parte ignora ciò che non ha nome; e la maggior parte crede all'esistenza di tutto ciò che ha un nome.
    Le cose più semplici e quelle più importanti non hanno tutte un nome. Quanto alle cose che non sono percepibili con i sensi, una dozzina di termini imprecisi, quali idea, pensiero, intelligenza, natura, memoria, caso..., ci servono come possono e generano o alimentano un'altra dozzina di problemi inesistenti. - PAUL VALÉRY, Cattivi pensieri

    ... l'anima, che per l'uomo comune è il vertice della spiritualità, per l'uomo spirituale è quasi carne. - MARINA CVETAEVA

    La verità è il tono di un incontro. - HUGO VON HOFMANNSTHAL

    58. Ciò che si può promettere. Si possono promettere azioni, ma non sentimenti, perché questi sono involontari. Chi promette a qualcuno di amarlo sempre o di odiarlo sempre o di essergli sempre fedele promette qualcosa che non è in suo potere; invece può ben promettere quelle azioni, che sono sì, di solito, effetto dell'amore, dell'odio e della fedeltà, ma che possono anche scaturire da altri motivi: giacché a un'azione conducono più vie e motivi. La promessa di amare sempre qualcuno significa cioè: finché ti amerò, compirò verso di te le azioni dell'amore; se non ti amerò più, continuerai a ricevere da me le stesse azioni, anche se per altri motivi, sicché nella testa del prossimo persiste l'illusione che l'amore sia immutato e sempre il medesimo. Si promette, dunque, di continuare nell'apparenza dell'amore quando, senza accecarsi da sé, si giura a qualcuno eterno amore. - FRIEDRICH NIETZSCHE, Umano, troppo umano

    Molto ha esperito l’uomo. / Molti celesti ha nominato / da quando siamo un colloquio / e possiamo ascoltarci l’un l’altro (Friedrich Hölderlin) -- Le riflessioni di Martin Heidegger su queste parole straziate ed alte del grande poeta tedesco consentono di indicare la radicale importanza del colloquio, come struttura dell’esistenza, e le conseguenze che ne scaturiscono, quando essa si lacera e si frantuma implacabilmente (ad esempio) in una tossicomania.
    Queste sono alcune delle cose che egli scrive: «Noi siamo un colloquio. L’essere dell’uomo si fonda nel linguaggio (Sprache); ma questo accade (geschieht) autenticamente solo nel colloquio (Gesprächt)»; e ancora: «Ma che cosa significa allora un ‘colloquio’? Evidentemente il parlare insieme di qualcosa. E’ in tal modo che il parlare rende possibile l’incontro. Ma Hölderlin dice: ‘da quando siamo un colloquio e possiamo ascoltarci l’un altro’. Il poter ascoltare non è una conseguenza che derivi dal parlare insieme, ma ne è, piuttosto, al contrario, il presupposto» (M.Heidegger, La poesia di Hölderlin, Adelphi 1988).
    L’inaudita rilessione heideggeriana così prosegue: «Ma Hölderlin non dice semplicemente: noi siamo un colloquio, bensì: ‘da quando noi siamo un colloquio…’. Là dove c’è ed è esercitata la facoltà del linguaggio propria dell’uomo, non vi è ancora senz’altro l’evento essenziale del linguaggio: il colloquio»; e infine: «Un colloquio, noi lo siamo dal tempo in cui ‘vi è il tempo’. E’ da quando il tempo è sorto e fissato che noi siamo storicamente. Entrambi - l’essere un colloquio e l’essere storicamente - hanno lo stesso tempo, si appartengono l’un l’altro e sono il medesimo». (da EUGENIO BORGNA, Noi siamo un colloquio, Feltrinelli 1999: Il vuoto esistenziale, pp.120-122)

    Un'altissima quantità di incontri umani viene distrutta da una scarsa tolleranza agli equivoci. - RENATA TURCO

    E’ Joan che parla:
    «Tutti dovrebbero poter tornare indietro con la memoria ed essere certi di aver avuto una mamma che amava tutto di loro, anche la pipì, anche la cacca. Chiunque dovrebbe poter essere sicuro che la mamma gli voleva bene giusto perché era lui, e non per per quello che avrebbe potuto fare. Altrimenti non ci si sente in diritto di esistere, si sente che non si sarebbe mai dovuti nascere. Non importa cosa succede poi a questa persona, non importa se soffre, può sempre guardare indietro e sentire che può essere amato. Può amare se stesso: non può più rompersi. Ma se non può tornare su queste cose, allora può rompersi. Ci si può rompere soltanto se si è già a pezzi. Finché il mio io bambino non è stato amato io ero a pezzi. Amandomi come si ama un bambino lei mi ha aggiustato».

    – RONALD LAING, L’io diviso. Studio di psichiatria esistenziale (1959)